HomeVarie

Varie

Autotrasporto, fine dell’emergenza Covid e novità normative

Autotrasporto_le_principali_novitaIn allegato un breve aggiornamento sulle principali novità normative che interessano l’autotrasporto.

In particolare su: trasporti eccezionali, credito di imposta, riduzione accise gasolio, Ecobonus veicoli commerciali, patente di guida.

Si ricorda, inoltre, che il 29 giugno 2022 terminano tutte le proroghe che erano state concesse a seguito della pandemia con diversi provvedimenti reiterati nel tempo che hanno riguardato, ad esempio, le autorizzazioni ai trasporti eccezionali, le revisioni dei veicoli, i documenti per la guida ecc.

1 allegato

Autotrasporto_le_principali_novita

Facciate degli edifici, disponibili i materiali del webinar sulla sicurezza antincendio

Si informa che di seguito è disponibile la registrazione del webinar ANCE dal titolo “LA SICUREZZA ANTINCENDIO DELLE FACCIATE DEGLI EDIFICI E IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: LA NUOVA REGOLA TECNICA VERTICALE”, che si è svolto lo scorso 15 giugno, organizzato nell’ambito del protocollo ANCE-CNI. 

In allegato sono, inoltre, disponibili le slides utilizzate dal relatore, ing. Marco Di Felice. 

Video

Allegato Slides Ing. Di Felice

INAIL: nuovo applicativo per invio dei certificati medici di infortunio sul lavoro

Si informa, per opportuna conoscenza, che l’INAIL, con la circolare n. 25 del 14 giugno scorso, ha illustrato il nuovo servizio per l’invio dei certificati di infortunio sul lavoro, operativo dal 28 aprile 2022, che consente ai medici – compresi quelli operanti nelle strutture sanitarie e sociosanitarie – di inserire informazioni e dati riguardanti l’evento lesivo in modo strutturato e omogeneo, mediante una riorganizzazione degli stessi in apposite e distinte sezioni tematiche compilabili in base alle evidenze emerse nel corso della visita medica.

Per quanto non specificato nella presente, si rinvia alla suddetta circolare. 

Superbonus e cessione del credito: nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Anche se tutte le spese per gli interventi “trainanti” realizzati sul condominio sono sostenute da un solo condòmino, gli altri possono fruire del Superbonus per gli eventuali interventi “trainati” effettuati sulle proprie unità immobiliari. Ciascuno fruisce della detrazione in base alle spese sostenute. Una Circolare di prossima emanazione chiarirà come correggere gli errori, sia formali, che sostanziali inerenti la compilazione della comunicazione delle opzioni per la cessione del credito e lo sconto in fattura.

È quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate in occasione dell’incontro con la stampa specializzata che si è tenuto “Telefisco 2022”.

In tale occasione, nell’ambito di un più ampio insieme di chiarimenti, l’Agenzia è tornata sul Superbonus per chiarire due aspetti:

  • ­ se un condòmino sostiene, in accollo, tutte le spese relative agli interventi “trainanti” effettuati sul condominio, è ammessa la possibilità per il proprietario che sostiene le spese solo per gli interventi “trainati”, realizzati sulla propria abitazione, di fruire del 110% in relazione a tali spese;
  • ­ le procedure da seguire per la correzione degli errori non solo formali, ma anche sostanziali che riguardino la compilazione della comunicazione di opzione per la cessione del credito o lo sconto in fattura inviate all’Agenzia dal beneficiario della detrazione.

Su questo punto l’Agenzia chiarisce che gli errori formali, come ad esempio l’indicazione dei dati catastali, il numero di SAL, o la tipologia del cessionario, ferma restando la sussistenza dei requisiti dell’agevolazione, non ne pregiudica la spettanza e non inficia la cessione. Gli errori formali vanno comunque segnalati, precisa l’Amministrazione finanziaria, e le modalità di segnalazione verranno determinate da una circolare di prossima emanazione. Gli errori sostanziali, invece, inerenti ad esempio l’ammontare della spesa, necessiteranno di un esame puntuale per valutare come rimuovere gli effetti che si sono prodotti. Il documento che sarà emanato sul punto dovrebbe anche riepilogare i casi più frequenti di errori sostanziali riscontrati ad oggi.

1 allegato

Risposte_AdE_telefisco pdf

Superbonus e bonus ordinari, gli aggiornamenti sulla cessione del credito

Aggiornate dall’Agenzia delle Entrate le modalità da seguire per la cessione dei crediti connessi agli interventi edilizi, agevolabili con il Superbonus e con i bonus edilizi ordinari.

Per le cessioni del credito comunicate dal 1° maggio 2022, il cessionario deve indicare in anticipo, tramite la “Piattaforma cessione crediti”, la scelta irrevocabile di utilizzo in compensazione, per ciascuna rata annuale.

Così si legge nel Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n.2022/202205 del 10 giugno 2022, alla luce delle ultime novità introdotte dall’art.28 del DL 4/2022, convertito in legge 25/2022 (cd "Sostegni-ter") e dall’art.14 del DL 50/2022 (cd. “Aiuti”), in corso di conversione in legge, riguardanti la disciplina della cessione dei crediti relativi ai bonus fiscali in edilizia (Superbonus e bonus ordinari).

In particolare, con il Provvedimento n.2022/202205, l’Agenzia modifica il precedente Provvedimento del 3 febbraio scorso, che non era più in linea con la disciplina applicativa della cessione dei crediti, aggiornandolo in base alle recenti novità.

In particolare, l’Amministrazione finanziaria:

  • - conferma che il credito d’imposta generato da interventi edilizi agevolati dai suddetti bonus, anche quando spettante all’impresa esecutrice in virtù dello sconto praticato in fattura, è cedibile una prima volta a soggetti terzi incluse le banche e gli altri intermediari finanziari ed altre due volte, solo a banche, intermediari finanziari, società appartenenti a gruppi bancari e assicurazioni (cd. soggetti “qualificati”).

Al riguardo, viene specificato che il primo cessionario può, a propria volta, cedere il credito ai soggetti “qualificati”, con possibilità per questi ultimi, di una ulteriore cessione, sempre a favore di altri soggetti qualificati.

Tale regola si applica se la comunicazione dell’opzione di cessione o sconto è comunicata all’Agenzia dal 17 febbraio 2022 in poi.

Vengono, inoltre, chiarite le modalità relative alla cessione del credito in caso di opzioni trasmesse entro il 16 febbraio 2022 (cd. regime transitorio);

  • - conferma che ai soggetti “qualificati” è sempre consentita la cessione a favore dei propri clienti professionali privati, che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa, ovvero con la banca capogruppo, senza facoltà di ulteriore cessione.

Per “clienti professionali privati” s’intendono, ai sensi dell’art. 6, co. 2-quinquies del Dlgs n. 58/1998, i soggetti che sono tenuti a essere autorizzati o regolamentati per operare nei mercati finanziari, italiani o esteri, quali: banche; imprese di investimento; altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati; imprese di assicurazione; organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali organismi; fondi pensione e società di gestione di tali fondi; negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci; soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia (locals); altri investitori istituzionali; agenti di cambio; imprese di grandi dimensioni che presentano a livello di singola società, almeno due dei seguenti requisiti dimensionali: totale di bilancio: 20.000.000 EUR; fatturato netto: 40.000.000 EUR; fondi propri: 2.000.000 EUR; gli investitori istituzionali la cui attività principale è investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi o altre operazioni finanziarie.

Questa possibilità sarà operativa a partire dal prossimo 15 luglio, quando verranno aggiornate le funzionalità della “Piattaforma cessione crediti”;

  • ­ chiarisce che per le opzioni relative alla cessione del creditocomunicate dal 1° maggio 2022, il cessionario deve indicare in anticipo, tramite la “Piattaforma cessione crediti”, la scelta, che è irrevocabile, di utilizzo del credito in compensazioneper ciascuna rata annuale. L’utilizzo in compensazione di ciascuna rata può avvenire anche in più soluzioni;
  • - conferma che opera il divieto di cessione parziale per le singole rate annuali dei crediti d’imposta oggetto di comunicazione all’Agenzia dal 1° maggio 2022. A tal fine, a ciascuna rata è attribuito un codice identificativo univoco da indicare nelle comunicazioni delle eventuali successive cessioni, sempre tramite la “Piattaforma cessione crediti”;
  • - chiarisce che in caso di errori, le comunicazioni di opzione per lo sconto in fattura/cessione del credito, trasmesse nel mese di marzo, possono essere annullate o sostituite entro il 5 di aprile. Le comunicazioni sostitutive non possono più essere annullate o sostituite dopo tale data.

Resta, in ogni caso, confermata la possibilità di annullamento/sostituzione dell’opzione entro il giorno 5 del mese successivo a quello di invio.

Infine, l’Agenzia delle Entrate precisa che, d’ora in avanti, eventuali aggiornamenti delle istruzioni di compilazione del Modello di opzione saranno pubblicati sul sito internet della medesima, previa apposita comunicazione.

Per consentire una lettura sistemica delle disposizioni emanante dall’Agenzia delle Entrate, si fornisce il testo ricostruito del Provvedimento prot. 35873 del 3 febbraio 2022, che tiene conto delle modifiche apportate dal provvedimento in commento.

Per gli ultimi chiarimenti sulle novità normative, si veda la C.M. 19/E/2022 ed il relativo approfondimento dell’ANCE ( Superbonus e bonus edilizi, le ultime novità in un dossier Ance).

4 allegati

Provvedimento_AdE_n_2022_202205_ALL1 pdf
Testo_ricostruito_ProvvAdE_n_35873_03-02-022_ALL2 pdf
Circolare_AdE_n_19_E_27_maggio_2022_ALL3 pdf
Approfondimento_ALL4 pdf

Altri articoli...

\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n
ance-nazionale
 
logo cassa edile LOGO ESIEA
CREDITS